Tempi infiniti per la liberazione di Gianfranco
By redazione On 10 ott, 2018 At 06:56 AM | Categorized As CRONACA | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ancora nessuna novità sull’attivista Gianfranco Castellotti, arrestato lo scorso giovedì ad Istanbul, dove si trovava per assistere come osservatore ad un processo riguardante alcuni musicisti del gruppo Grup Yorum.

Gianfranco, nato in Francia, faceva il veterinario in città. Non ha parenti a Massa, l’unico appiglio per saperne qualcosa di più è la sua compagna di battaglie Maria Grazia Vanelli. “Non ho potuto parlare direttamente con lui – ha spiegato Maria Grazia – Ho sentito il vice console e mi ha detto che la situazione non è cambiata: Gianfranco si trova ancora nell’ufficio della polizia dallo scorso 4 ottobre in attesa di essere trasferito in un altro reparto dove trattano di casi di immigrazione. Non sappiamo quando verrà trasferito, sicuramente non prima di venerdì prossimo”.

Probabilmente, ha raccontato Maria Grazia, Gianfranco sta continuando lo sciopero della fame e l’interruzione dei farmaci dal giorno del blitz nel centro culturale Idil, quando gli agenti hanno fatto interruzione e lo hanno portato via insieme ad altri sette compagni. Una cosa è certa: se Castellotti dovesse essere espulso dalla Turchia, senza potervi mettere più piede, per l’attivista sarebbe una totale sconfitta sotto tutti i punti di vista.

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980