MASSA:IL CAMBIAMENTO
By redazione On 12 ago, 2018 At 08:46 PM | Categorized As CRONACA, inchieste | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

1200px-Massa-palazzo_ducale3

IL CAMBIAMENTO:

A forza de sfrugonare certe tane
a s’artroan sotto le logge
giù da la scalinata del duomo,
a destra, neri come un cappelo da preto
arcunci e arguaghjati da le feste.
A capurion l’ometto sgrindinato
col pelo al mento color topo de fogna
ingrembiulato e col collare al colo.

– A rovescian Massa come ‘na calzetta
dal Ponto a la Martana, dai monti
‘giuman sino a la marina.
Palazzo rosso a lo tingen de nero
e piazza di culi a la faren virdina
non per rabbia o per rancore
ma dare a le cose el giusto colore.
Le cipole nostrane al verran fora
col grimbiulin da signora
e aghji incamiciati col fiocchetto nero
anche quelo come s’addice al Cambiamento.
Porannò, i gridò un vecchjietto,
i venghene de fora a comandarse
altro che Potta de Modena sti tipi
i venghene chissà da dove,
anche se a dire il vero, de la da l’acqua
certe cose l’hanno concordate
in certe stanze da ingrembiulati.
A staggan lustri se stiam fermi
‘na volta a se pisciae contro il muro
quandi i passaene in corteo
con tanto de livrea e beretto scuro.
Aspetta i miracoli, aranci azzurri,
Piazza Arancn coll’erba prisippina,
le cipole col gunnilin e i aghji
con tanto de fiocchetto nero.
Sarò vecchio e pure malfidato
ma da Spezia, un tempo al venne
un’ometto vistito in orbace
attraversò Carrara tranquillamente
e fece una strage in quel Forno.
Intanto che al cresce l’erbetta ‘n piazza Aranci
me a me compre uno schjioppetto,
per legittima difesa, secondo loro,
a dagghe la cera ai scarpon e a m’avvie
pian pianin, dato c’ho i me anni,
di nuovo ai monti per la Resistenza.

firma L’ASINO DI BUDRIO

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980