NUOVO ESPOSTO PER MORIA DI PESCI NEL FIUME LAVELLO a Marina di Massa con IPOTESI DI GRAVE INQUINAMENTO
By redazione On 8 ago, 2018 At 05:58 PM | Categorized As CRONACA, inchieste, POLITICA | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Views:
5

IMG_7818
Egregio Maggiore Massimo Planera
Comandante del NOE Carabinieri di Firenze
P.c. Al Sindaco di Massa
P.c. Al Prefetto di Massa Carrara

ESPOSTO PER NUOVA MORIA DI PESCI E SOSPETTO INQUINAMENTO DEL FOSSO LAVELLO DI MARINA DI MASSA.

In riferimento al mio esposto presentato in data 14.09.2017 , devo purtroppo denunciare nuovamente lo stesso fenomeno dello scorso anno con una moria di pesci preceduta e seguita dalla presenza in acqua di grosse quantità di materiale maleodorante che, presumibilmente, può essere assimilato ad escrementi mescolati con saponi e detersivi. Durante il sopralluogo da me effettuato questa mattina insieme ad alcuni residenti che mi hanno interpellato, ho notato all’interno del vecchio depuratore gestito dalla Società Gaia, delle grosse quantità di fanghi che emettono lo stesso odore dei miasmi che fuoriescono dal fosso Lavello. Nel contempo abbiamo avuto la possibilità di fotografare pesci morti circondati da melma e altre sostanze di colore verde e grigio. Come si può notare dalle foto i colori, soprattutto il marrone scuro, mettono in evidenza sostanze presenti nell’acqua che poco hanno a che vedere con la vegetazione della zona o del fiume, ma tanto con i materiali che entrano nel depuratore provenienti dalle fognature. Non voglio trarre delle conclusioni affrettate, ma è evidente che il depuratore non riesce a contenere le quantità che arrivano dalla marina, oggi piena di turisti. Ma non solo. La mancata ossigenazione dei liquami genera molto probabilmente quantità troppo alte di ammoniaca con le conseguenze che oggi sono sotto gli occhi di tutti. D’altronde l’ Arpat in questi ultimi anni ha notificato molte sanzioni a Gaia Spa per l’inquinamento accertato alla foce di Lavello, si parla di centinaia di migliaia di euro.
Per quanto sopra, La invito ad intervenire immediatamente per accertare la grave situazione ed eventualmente per individuare il tipo di inquinamento e quindi i responsabili di tale siffatto fenomeno che danneggia la nostra comunità e il comparto turistico.Grazie.
Distinti Saluti
STEFANO BENEDETTI
PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI MASSA

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980