Evade e tenta un furto: arrestato 64enne massese
By redazione On 9 giu, 2018 At 05:06 PM | Categorized As CRONACA | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Views:
3

I militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia carabinieri di Massa, con la fattiva collaborazione di quelli della locale stazione della centrale operativa del comando provinciale,

hanno dato esecuzione nella serata di ieri ad un’ordinanza di carcerazione emessa dal magistrato di sorveglianza del Tribunale di Massa, Michela Mencattini, nei confronti di un 64 enne del posto, già gravato da numerosi precedenti penali.

L’uomo, a seguito di condanne definitive per numerosi furti in abitazione, da tempo si trovava sottoposto al regime della detenzione domiciliare a Massa, presso la sua abitazione. Nell’ordinanza che disponeva il predetto beneficio era stato, tra le altre cose, previsto che l’uomo, al fine di poter soddisfare le proprie esigenze personali, si potesse allontanare da casa ogni giorno dalle ore 12 alle ore 15.00.

Nella giornata del 26 maggio scorso, verso le ore 14.20, approfittando dell’orario di temporanea chiusura di un magazzino, l’uomo, utilizzando anche arnesi da scasso, aveva tentato un furto in via Aurelia Nord di Massa. L’anticipato rientro in azienda di una delle titolari, tuttavia, lo aveva costretto a darsi a repentina fuga utilizzando un’autovettura. La tempestiva comunicazione da parte della vittima alla centrale operativa del comando provinciale aveva fatto scattare il piano anticrimine per il contrasto dei reati predatori, con la predisposizione di controlli su strada e l’invio immediato di una pattuglia del Norm sul luogo.

Le prime notizie sul posto sono state poi sottoposte all’aliquota che si occupa di analisi dei reati predatori. L’importante contributo testimoniale fornito dalla vittima ha permesso quindi ai militari di predisporre un primo identikit del soggetto, restringendo la cerchia di sospettati. Uno di questi, da ulteriori accertamenti, risultava avere nelle proprie disponibilità anche una autovettura monovolume analoga a quella fuggita dal luogo del tentato furto. Da qui, grazie anche ad un riconoscimento fotografico, l’uomo è stato identificato, anche perché già noto alle forze dell’ordine e, tra l’altro, sottoposto al regime della detenzione domiciliare, proprio perché condannato in via definitiva per la consumazione di reati predatori.

L’intera inchiesta, oltre al deferimento del pregiudicato alla Procura della Repubblica quale indagato del reato di tentato furto aggravato, era stata poi trasmessa alla magistratura di sorveglianza che ha emesso immediatamente ordinanza di revoca del beneficio concesso a suo tempo, disponendo l’immediato rintraccio dell’individuo e quindi la sua carcerazione. Di qui l’operazione dei carabinieri, conclusasi con l’accompagnamento in carcere dell’uomo.

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980