PERSIANI: “RECUPERO DELLE COLONIE? TUTTO FERMO DA ANNI E FUTURO ANCORA INCERTO, CAMBIAMO COSI’ NON PUO’ ANDARE”
By redazione On 14 mag, 2018 At 11:22 AM | Categorized As CRONACA, ECONOMIA, POLITICA | With 0 Comments
Share the joy
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Views:
13

32116976_375916409571932_8705847921003724800_o

Il sindaco uscente dichiara che entro la fine dell’anno partirà la sistemazione della Colonie? Sono solo promesse elettorali per nascondere le mancanze della sua amministrazione, a cui dobbiamo aggiungere decenni di malgoverno dei soliti volti noti.

Diciamo la verità, i lavori per il recupero delle colonie ad oggi sono solo un’ipotesi tutta da verificare. Infatti Massa non ha ancora un Regolamento Urbanistico approvato. Certo vi è un iter che sta facendo il suo corso, ma tutto ciò non riguarda più il sindaco uscente, bensì la Regione Toscana e poi la nuova Giunta Comunale. Con tempi tutti da capire. Intanto il nostro litorale versa ancora in uno stato di degrado che è sotto gli occhi di tutti. Volpi si dichiara ottimista per il futuro? Mi permetto di dire che stona con lo stato d’animo di una città che egli stesso ci lascia nel degrado e nell’abbandono. Massa e i suoi cittadini non hanno bisogno di promesse demagogiche. Lo ribadisco non sottovaluto l’importanza di riuscire ad approvare il regolamento urbanistico, ma questo non può divenire la scusa per l’immobilismo che il centrosinistra ha imposto a tutti noi anteponendo al bene comune i problemi e gli interessi di pochi. Riguardo all’area delle Colonie, come credere ancora a certe promesse di un futuro con grandi cantieri al fine di un rilancio della nostra economia turistica? Volpi ha ad oggi un progetto concreto? No. Qual è l’idea alla base della riqualificazione di tutta l’area retrostante di Ricortola e Partaccia e della nostra costa dal Lavello al Fescione? Da parte dell’amministrazione uscente non vi è nessun progetto concreto. Prima di parlare di nuovi 400 posti letto alberghieri che forse un giorno potranno essere costruiti, cominciamo a trovare soluzioni per i tanti fondi commerciali sfitti in ogni quartiere della nostra città. Serve un nuovo Piano per il Commercio, fattibile e sostenibile, che rilanci i piccoli negozi attraverso servizi di qualità. Lo ripeto alle tante persone che incontro in questi giorni: i modelli virtuosi ci sono. Pensiamo a Forte dei Marmi o a Pietrasanta che hanno un tessuto commerciale di tutto rispetto, collegato a un turismo di qualità che porta benessere e ricchezza tutto l’anno. A Massa, purtroppo, invece di fare, l’amministrazione si ferma ai propositi elettorali, come per esempio promettere di voler rendere la nostra città più bella (quando?) e quindi più attrattiva in vista delle stagione turistica. Dobbiamo dire basta alla politica fatta di annunci e misure spot volte a sistemare le emergenze. Queste modalità sono solo uno spreco di denaro e non migliorano la qualità della vita dei massesi. Occorre cominciare ad amministrare Massa. Perché sono troppi anni che ciò non viene fatto. E occorre farlo in modo serio, lungimirante, dialogando giorno dopo giorno con tutti i cittadini.

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980