Gestione rifiuti, prima di incolpare i cittadini di inciviltà l’amministrazione deve essere più efficiente.
By redazione On 6 apr, 2018 At 05:24 PM | Categorized As ECONOMIA, POLITICA | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Views:
8

“La città è sommersa dai rifiuti: questa è una certezza.

Massa è piena di incivili: questa è la giustificazione dell’amministrazione. Concordiamo che un maggiore senso civico tra i cittadini aiuterebbe ad avere una città più pulita ma riteniamo che sia fuorviante scaricare solo sui massesi la colpa del degrado che vive Massa.” Dichiara Martinucci responsabile territoriale della Lega – “L’amministrazione cerca un capro espiatorio per la vergognosa ed evidente condizione dei cassonetti della spazzatura in città? Allora saremo noi a fare chiarezza sulle vere cause del problema rifiuti e a dimostrare che queste offensive accuse di inciviltà non sono altro che il vittimistico tentativo di mascherare un’evidente incapacità amministrativa. La prima causa è la carenza di organico e di mezzi per la raccolta dei rifiuti e la pulizia delle strade, la maggior parte dei quali guasti e irreparabili. Come possiamo tenere una città pulita in questo modo? Aggiungiamo poi una mala gestione della raccolta differenziata che ad oggi coinvolge solo circa il 17% dei cittadini. Sul sito del comune è online, da quasi due anni, la presentazione in pompa magna dell’avvio della raccolta differenziata, che doveva essere il fiore all’occhiello di questa amministrazione: ad oggi è più uno strappo ai pantaloni. Proprio all’ultimo punto di questo programma si prevedeva l’analisi dei dati raccolti dei primi 6 mesi dall’avvio del progetto per evidenziare eventuali criticità e apportare opportune modifiche. Non solo non sono ancora stati resi noti tali dati ma non sono nemmeno state intraprese misure per correggere quelle problematiche che sono chiaramente emerse. Ad esempio, la mancata estensione di tale progetto in tutto il territorio continua a permettere a persone che abitano in zone adibite a raccolta differenziata di portare spazzatura in quei pochi vecchi cassonetti rimasti dove la raccolta differenziata non esiste ancora, provocando l’accumulo di rifiuti. Parliamo non solo di residenti del comune di Massa ma anche di abitanti di comuni limitrofi dove la raccolta differenziata è totalmente funzionante. Per risolvere questa criticità che è emersa si avrebbe dovuto già provvedere da tempo all’immediata applicazione del programma di raccolta differenziata in tutto il comune togliendo i cassonetti dell’indifferenziata ancora esistenti nel comune. Siamo diventati la discarica di tutto il territorio apuoversiliese. Parliamo poi dei rifiuti ingombranti abbandonati accanto ai cassonetti e degli apposti adesivi della videosorveglianza senza l’installazione delle telecamere: i furbetti incivili possono agire indisturbati e senza essere controllati. Sono anni che chiediamo le telecamere, ma siamo anche consapevoli che se il programma di raccolta differenziata fosse funzionante allora non ci sarebbero più cassonetti dell’indifferenziata e i casi di materiale ingombrante abbandonato sarebbero ridotti. L’amministrazione ha dunque le sue responsabilità nella gestione del problema rifiuti e incolpare le persone equivale a nascondersi dietro ad un dito. Ricordiamo poi che i cittadini pagano le tasse (spesso esose) per avere un servizio che in questo modo non gli viene garantito e che sono stati ulteriormente beffati dall’arrivo delle ultime cartelle tari a ridosso della scadenza datata 31 marzo con un preavviso simile a quello per quelle ici nel periodo natalizio. Un bel pesce d’aprile pasquale che si annuncia come l’ennesimo pasticcio di un’amministrazione incapace.” – Conclude Martinucci – “Siamo favorevoli alla sensibilizzazione dei cittadini sul tema del senso civico, ma pretendiamo un’amministrazione più efficiente, che prima di giudicare, dia il buon esempio.”

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980