Interpellanza sul nuovo taglio sanitario al NOA
By redazione On 30 mar, 2018 At 08:55 PM | Categorized As CRONACA, POLITICA, SANITA' | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Views:
4

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE
INTERPELLANZA SUL NUOVO TAGLIO SANITARIO
Egregio Sindaco, in perfetta sintonia con le logiche del risparmio, ques’tanno arriva anche il taglio ” Pasquale ” che mette per l’ennesima volta duramente a prova sia il personale infermieristico sia i malati del NOA,

che in questo modo rischiano la vita e questo non è allarmismo ma solo una presa d’atto rispetto a questa nuova iniziativa dell’ Asl. Sembrerebbe che dal primo di Aprile il personale in pronta disponibilità di sala operatoria , cioè reperibile in caso di urgenza notturna, per la chirurgia generale e per quella vascolare, verrà ridotto di una unità, quindi gli operatori passeranno da quattro a tre e la giustificazione dell’ Asl è basata su una statistica che stabilisce che l’eventualità di due urgenze chirurgiche in contemporanea è estremamente rara. A prescindere dal fatto che l’incolumità fisica delle persone non si può certo misurare in termini di percentuale, si potrebbero però verificare dei casi che metterebbero sicuramente in difficoltà il personale impegnato in sala operatorio con probabili ripercussioni negative sull’esito dell’operazione. Nel merito cito il caso dove inizialmente vengono convocati lo strumentista e un circolante per una urgenza di chirurgia generale che si protrae nel tempo e poco dopo viene impegnato il terzo operatore per una urgenza vascolare e magari potrebbe trattarsi anche di un aneurisma rotto, quindi di un intervento complesso . In questo caso, essendo i colleghi impegnati in un’ altra operazione e necessitando di una ulteriore figura, è chiaro che minimo è necessario rivolgersi ad un’altra specialistica e naturalmente si tratterrebbe di personale non formato perchè le specialistiche non sono assolutamente complementari, come ortopedia, otorino, ginecologia e urologia, oppure fare senza personale con tutti i rischi del caso per il paziente. E’ ovvio che questa iniziativa rappresenterà un piccolo risparmio per l’azienda sanitaria , producendo un sicuro incentivo per il dirigente competente, ma nello stesso tempo causerà inevitabili conseguenze negative sui pazienti che anche in questo caso, come in quelli dei tagli operati in precedenza, vengono costretti a pagarne le conseguenze sulla propria pelle.
Per quanto sopra,
INTERPELLO IL SINDACO
per sapere se era al corrente di questa novità e per chiedergli cosa intende fare per risolvere il problema che mette a serio rischio l’incolumità fisica dei cittadini.
distinti saluti
STEFANO BENEDETTI
CONSIGLIERE COMUNALE

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980