Andrea Berlucchi premiato con medaglia d’oro ed encomio  per 100 donazioni di sangue dalla Fratres nel corso della festa del donatore ma manca sangue : 3200 i pazienti trasfusi lo scorso anno
By redazione On 19 dic, 2017 At 12:26 AM | Categorized As CRONACA, SANITA' | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Quotidianamente c’è bisogno di sangue:  lo scorso anno nella provincia di  Massa Carrara sono stati trasfusi  nei Centri trasfusionali ospedalieri apuani  3200 pazienti con 11.600 unità di sangue, plasma e piastrine ma le

richieste sono in  aumento; sangue, plasma e piastrine  vengono unicamente “prodotte” dai donatori che, ricordiamo offrono il prezioso “liquido”, il sangue è invece un tessuto, gratuitamente. Questo in sintesi quanto emerso dalla festa  degli auguri del  donatore Fratres di Massa nel corso della quale sono stati premiati ventinove   donatori che hanno raggiunto gli “obiettivi della ” fissati dagli organismi Fratres nazionale.   “Nel festeggiare i 23 anni dalla fondazione e in occasione delle feste natalizie, la Fratres vuole ringraziare lo spirito solidaristico che i propri iscritti concretizzano col dono del sangue rendendosi così protagonisti di un gesto nobile e, soprattutto, indispensabile come è appunto la donazione di sangue.” Così ha detto Pietro Paolo Sartini presidente della locale Fratres affiancato da Sergio Giovannoni e Alberto Alberici – per la Presidenza Provinciale Massa-Carrara;  Arturo Savoni –  per la Presidenza Regionale; Giovanni Cinquini per la Presidenza Nazionale; Francesco Mandorli  per l’ Associazione sanitaria “Solidarietà è progresso” onlus , Luciano Faenzi presidente emerito della Fraternita di Misericordia “San Francesco”. Tanti, tanti i donatori presenti con le loro famiglie.  Sartini ha colto l’occasione per sottolineare che “nella nostra Asl nord ovest e non solo si sta verificando una carenza di sangue che diventa sempre più drammatica in momenti in cui si verificano incidenti ma anche in occasioni di particolari cure o interventi chirurgici durante la normale attività medica. Siamo a Natale periodo di festa con scambi di auguri e doni, negozi e strade illuminate ma corre l’obbligo di prestare grande attenzione a chi ci sta accanto quando questi è in difficoltà. Qui interviene la Fratres con il suo impegno costante che dura tutto l’anno  per far si che chi ha bisogno di sangue abbia la possibilità di poterne usufruire e di superare il brutto momento che sta vivendo.  Per gli ammalati non ci sono giorni festivi o periodi di vacanza ma soltanto il forte desiderio di recuperare la salute per avere una vita dignitosa cosa che solo noi con un piccolo sacrificio possiamo soddisfare. Speriamo di avere lanciato una altro sasso dei tanti gettati quotidianamente  nel mare della solidarietà. Nel ringraziarvi per il vostro impegno umanitario nel donare auguro a voi ed alle vostre famiglie  i miei più calorosi auguri di un sereno Natale e felice 2018  ricco di soddisfazioni.” I dirigenti Fratres : provinciale, regionale e nazionale hanno espresso parole di plauso per l’attività della Fratres massese che anche quest’anno ha aumentato sensibilmente sia il numero delle donazioni di sangue , plasma che di donatori. Diversi i vari interventi che si sono succeduti , tutti hanno sottolineato che “chi ha bisogno del nostro sangue sono pazienti sottoposti a chemioterapia; in occasione di interventi chirurgici importanti; portatori di anemie o altre malattie congenite del sangue (talassemia, emofilia); traumatizzati della strada o sul lavoro; trapianti d’organo o di midollo; anziani con ridotta produzione di globuli rossi; ustionati; bambini malati di leucemia”. E’ stato ricordato che  chi dona sangue periodicamente si garantisce un costante controllo del proprio stato di salute in quanto ad ogni donazione corrisponde una visita sanitaria e diversi esami di laboratorio; in questo modo il donatore potrà godere di una precoce diagnosi che gli consentirà di debellare malattie sul nascere: in parole povere il donatore di sangue esercita una vera prevenzione della propria salute. Subito dopo si è proceduto alle premiazioni: questi i donatori premiati: Andrea Berlucchi che ha raggiunto le  100 donazioni   gli è stata consegnato attestato, targa e medaglia d’oro. Purtroppo Berlucchi per motivi di salute non era presente e Cinquini ha voluto  leggere la motivazione della riconoscenza della Fratres verso questa persona incisa nella targa encomio “al donatore Berlucchi Alessandro a riconoscimento dell’esemplare impegno umanitario nell’esercizio generoso della donazione di sangue”; con attestato e   medaglia d’oro è stato premiato Don Luca Franceschini che ha effettuato 75 donazioni: a Maurizio Papucci    50 donazioni: attestato e   medaglia d’oro. Attestato e   medaglia d’argento per 25 donazioni a Cinzia Andrei, Nicodemo Fioravanti; Laura Lazzini; Rosalba Pizzo Pietro Valle e Gabriella Luisi; attestato e   medaglia di bronzo per 10 donazioni a: Rita Bresciani; Emanuele Cappetta; Fabio Cavazzuti; Maurizio Centore; Sergio Fernando Peselli; Giuseppina Pitanti; Michele Valente; attestati per 5 donazioni a Elena Annunziata; Paola Armanetti; Anuska Benedetti; Giorgio Bonuccelli ;Lorenzo Della Tommasina; Adelindo Frulletti; Giovanni Lazzarotti; Matteo Lazzoni; Antonio Manucci; Anna Rita Mochi; Carmine Scarico; Dorella Sgadò e Luca Vece. 

 

Nelle Foto:  gruppo di donatori con dirigenti Fratres; Don Luca premiato; Papucci premiato

DSC_4429
DSC_4373
DSC_4422

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980