NINO MIGNANI E’ IL NUOVO PRESIDENTE DELLA CROCE BIANCA GUIDATA PER BEN 19 ANNI DA GIUSEPPE BERTOLA
By redazione On 5 dic, 2017 At 08:04 PM | Categorized As CRONACA | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Views:
2

IL PRIMO PENSIERO VA A GABRIELLA GABRIELLI, MEDICO, VOLONTARIO ED EX CONSIGLIERE COMUNALE, A CUI SARA’ INTITOLATO UN MEZZO
Riorganizzazione e razionalizzazione sono le parole d’ordine di Nino Mignani, nuovo presidente della Croce Bianca di Massa eletto lo scorso 25 novembre assieme al nuovo consiglio di amministrazione, ridotto da nove a cinque membri.

Tanti i debiti che l’associazione di volontariato sta cercando di ripianare attraverso piani di rientro e l’aiuto, non solo finanziario, di Anpas regionale. Ma la difficoltà più grande da superare, ora come ora, è il pagamento degli stipendi di dicembre; i dipendenti sono rimasti in quattordici contro i diciotto dello scorso anno ed è stata attuata anche una revisione degli orari. In 5 sono a 24 ore settimanali, 7 a 28 ore e 2 a 30. Questo ha portato ad un risparmio di 160 mila euro all’anno su un totale di 460 mila euro. Mensilmente servono circa 14 mila euro per gli stipendi a cui l’associazione deve aggiungere il pagamento di cospicue rate per ripianare i debiti pregressi, ben 365 mila euro, dovuti a versamenti previdenziali non eseguiti nel triennio 2007-2010. In questo caso il piano di ristrutturazione è già stato avviato e prevede un pareggio entro il 2019, ma a questi soldi si aggiungono altri debiti per contributi non versati dal 2012 al 2017 a Inps a cui la Croce Bianca ha proposto un rateizzo. Per continuare a pagare, però, c’è bisogno che Inps acceleri le procedure e dia una risposta: così facendo, infatti, si sbloccherebbero crediti che l’associazione ha verso la Asl locale di 42.900 euro per servizi socio-sanitari ed altri 10 mila per il soccorso cave. E la situazione poco rosea non finisce qua: all’associazione devono entrare ancora circa 40 mila euro per le esequie funebri svolte da luglio ad oggi. In media, un funerale costa sui 2500 euro ed è proprio quel servizio che, in questo momento, consente alla Croce Bianca di tenere la barca a galla. Insomma, non solo debiti che, comunque va sottolineato non vanno ad influire sul servizio dato alla cittadinanza

About -

comment closed

© 2018 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980