Violenza di genere, ancora un arresto. Lui: “Ti uccido”
By redazione On 2 lug, 2016 At 09:03 AM | Categorized As Uncategorized | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Views:
8

Ancora un episodio di violenza con vittima una donna. L’ennesimo. Questa volta tra i due protagonisti della triste vicenda, non c’era nulla. Non erano mai stati una coppia.

Lui, che ora si trova in carcere (l’ordinanza è stata eseguita ieri dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Carrara), si era invaghito di lei, una donna di Carrara. Lui del Marocco e senza permesso di soggiorno. Lei non ne voleva sapere, l’aveva rifiutato e così l’uomo ha iniziato a molestarla arrivando addirittura a minacciarla di morte. Durante le loro indagini, i militari, hanno anche documentato il momento in cui l’uomo ha danneggiato i pneumatici dell’auto della Vittima. Ora lui si trova in carcere con l’accusa di stalking e danneggiamento. Fondamentale il fatto che la donna sia riuscita ad andare oltre il timore di ripercussioni e abbia trovato la forza di denunciarlo. Le forze dell’ordine, non a caso, raccomandano alla donne che si trovano a subire violenze, siano esse fisiche che verbali, o minacce di qualsiasi tipo, di sporgere denuncia. Solo così la giustizia potrà fare il proprio corso. Una giustizia che sempre più spesso è chiamata a pronunciarsi su casi di maltrattamenti e violenza.
Solo qualche giorno fa una ragazza è stata salvata a Marina di Massa dall’intervento provvidenziale di un poliziotto fuori servizio che è intervenuto evitando che il coltello a serramanico che l’ex compagno le stava puntando alla gola, potesse diventare l’arma di un delitto . Nel mese di giugno gli uomini del commissariato di polizia di Carrara sono intervenuti in tre situazioni. Un uomo è finito agli arresti domiciliari con la prescrizione di non comunicare più con l’ex compagna, duramente provata, che lo stesso aveva aggredito e molestato incapace di rassegnarsi alla fine del loro rapporto. Aveva smesso di perseguitarla dopo una prima condanna ma è finito nuovamente agli arresti domiciliari stabiliti dal GiP del tribunale di Massa un altro uomo responsabile in più occasioni di maltrattamenti verso la ex moglie e i figli. L’uomo nell’ultimo periodo era tornato a ossessionare la ex moglie facendosi trovare in tutti i luoghi che lei frequentava. Ora non potrà più avvicinarsi a lei in alcun modo. La questura poi rende noto un altro caso simile ai precedenti.
Sarebbe il quarto caso di violenza di genere considerando l’ultimo arresto dei carabinieri. Questa volta l’uomo per picchiare la ex compagna si era addirittura presentato nella casa famiglia, qui l’aveva malmenata di fronte ai figli. Per queste donne la forze dell’ordine hanno avviato l’iter che ha portato all’allontanamento degli ex compagni o mariti per volere della legge. Altre donne stanno aspettando il proprio momento per tornare a sentirsi libere. Gli uomini del Commissariato di Carrara, infatti, stanno portando avanti indagini a partire da altre denunce sporte. Da quanto emerge, ciò che fa scattare la follia, ogni volta, è l’incapacità dell’uomo di accettare la fine del rapporto.
“…Questo non è amore” è il nome della campagna promossa dal Ministero dell’Interno e della Polizia
contro la violenza sulle donne. L’iniziativa coinvolge 14 province italiane e ha come finalità la creazione di un contatto diretto tra le donne e un’equipe di operatori specializzati, ospitati all’interno di un camper, che si sposterà nelle piazze delle città interessate

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980