Terrarossa: Bocconi trappola, cagnetta inghiotte 31 pezzi di lametta
By redazione On 13 giu, 2016 At 09:40 AM | Categorized As Uncategorized | With 0 Comments
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Views:
10

Stella ha solo tre mesi. Due immensi occhi neri, le orecchie allegre e il pelo morbido morbido: una cucciola di labrador tenerissima.
Adesso può prendersi le coccole in braccio ai sui padroni, ma qualche giorno fa ha rischiato di non farcela: i suoi occhioni hanno avvistato, nel cortile condominiale, succulenti pezzetti di wurstel e Stella proprio non ha saputo resistere. Dentro i bocconi, però, qualcuno aveva nascosto parecchi frammenti di lametta e quei frammenti – ben 31 – sono finiti nel piccolo stomaco della cagnolina. Solo la prontezza del suo padrone e la professionalità del veterinario Giacomo Gianfranchi che l’ha operata d’urgenza, le hanno salvato la vita.

Stella stava girovagando assieme al proprio padrone all’interno del piazzale condominiale, nella zona che conduce al cimitero di Terrarossa quando, curiosando dietro un’ auto in sosta, ha notato il boccone apparentemente composto da gradevoli wurstel, ma purtroppo infarcito da pezzetti di lametta da radere, abbandonato da persone sprovviste di ogni scrupolo. Ora la piccola Labrador deve la vita ai proprietari: sono stati loro, infatti, ad avere sospetti. Hanno preso uno di quei bocconi e verificato che all’interno si trovavano piccoli frammenti taglienti. Non hanno perso tempo, hanno subito affidato la cucciola alle mani del loro veterinario di fiducia. Il medico, dopo una rx al torace e all’addome di Stella, ha appurato che aveva ingerito numerosi pezzetti di lametta. La cagnolina è stata quindi sedata e sottoposta ad un delicato intervento chirurgico di gastrotomia durante il quale il veterinario ha prelevato, uno ad uno, ben 31 pezzetti di lametta ingeriti dal cane assieme alla polpetta killer. La tempestività dell’intervento ha permesso di salvare la vita a Stella perché le lamette, miste al cibo, erano rimaste all’interno dello stomaco. Se avessero raggiunto l’intestino la povera cucciola di Labrodor sarebbe morta per emorragia tra atroci sofferenze.

About -

comment closed

© 2019 -0585news.com Editore CityLine reg n198 del 12.04.1980